Difference between revisions of "Regola aurea"

From humanipedia
Jump to navigation Jump to search
(Creata pagina con "Principio morale, assai diffuso tra diversi popoli, che rivela un atteggiamento umanista. Eccone alcuni esempi. Rabbino Hillel: “Quello che non vorresti per te non fa...")
 
Line 1: Line 1:
Principio morale, assai diffuso tra diversi popoli, che rivela un [[atteggiamento umanista]]. Eccone alcuni esempi. Rabbino Hillel: “Quello che non vorresti per te non farlo al tuo prossimo”. Platone: “Mi sia concesso fare agli altri ciò che vorrei facessero a me”. Confucio: “Non fare all'altro ciò che non ti piacerebbe fosse fatto a te”. Massima giainista: “L'uomo deve sforzarsi di trattare tutte le creature come a lui piacerebbe essere trattato”. Nel cristianesimo: “Tutte le cose che vorreste gli uomini facessero con voi, voi fatele con loro”. Tra i sikh: “Tratta gli altri come vorresti che ti trattassero”. L'esistenza della regola aurea fu riscontrata da Erodoto in diversi popoli dell'antichità.
+
Principio morale, assai diffuso tra diversi popoli, che rivela un [[atteggiamento umanista]]. Eccone alcuni esempi. Rabbino Hillel: “Quello che non vorresti per te non farlo al tuo prossimo”. Platone: “Mi sia concesso fare agli altri ciò che vorrei facessero a me”. Confucio: “Non fare all'altro ciò che non ti piacerebbe fosse fatto a te”. Massima giainista: “L'uomo deve sforzarsi di trattare tutte le creature come a lui piacerebbe essere trattato”. Nel cristianesimo: “Tutte le cose che vorreste gli uomini facessero con voi, voi fatele con loro”. Tra i sikh: “Tratta gli altri come vorresti che ti trattassero”. L'esistenza della regola aurea fu riscontrata da Erodoto in diversi popoli dell'antichità.
 +
Studi recenti hanno identificato nel concetto africano di [[ubuntu]] un'altra versione dello stesso principio.
  
 
Per il [[Nuovo Umanesimo]], la regola aurea costituisce la base etica di ogni azione personale e sociale.
 
Per il [[Nuovo Umanesimo]], la regola aurea costituisce la base etica di ogni azione personale e sociale.
 +
 +
Sulla regola d'oro è disponibile l'interessante lavoro di Emanuela Widmar ''[http://www.parcoattigliano.it/dw2/lib/exe/fetch.php?media=produzioni:altre:emanuela_widmar-20141101-la_regola_d_oro-ita.pdf La Regola d'Oro, principio di solidarietà e di liberazione]''
 +
 
[[categoria: Dizionario del Nuovo Umanesimo]]
 
[[categoria: Dizionario del Nuovo Umanesimo]]
 +
 +
[[categoria: work in progress]]

Revision as of 11:05, 7 June 2019

Principio morale, assai diffuso tra diversi popoli, che rivela un atteggiamento umanista. Eccone alcuni esempi. Rabbino Hillel: “Quello che non vorresti per te non farlo al tuo prossimo”. Platone: “Mi sia concesso fare agli altri ciò che vorrei facessero a me”. Confucio: “Non fare all'altro ciò che non ti piacerebbe fosse fatto a te”. Massima giainista: “L'uomo deve sforzarsi di trattare tutte le creature come a lui piacerebbe essere trattato”. Nel cristianesimo: “Tutte le cose che vorreste gli uomini facessero con voi, voi fatele con loro”. Tra i sikh: “Tratta gli altri come vorresti che ti trattassero”. L'esistenza della regola aurea fu riscontrata da Erodoto in diversi popoli dell'antichità. Studi recenti hanno identificato nel concetto africano di ubuntu un'altra versione dello stesso principio.

Per il Nuovo Umanesimo, la regola aurea costituisce la base etica di ogni azione personale e sociale.

Sulla regola d'oro è disponibile l'interessante lavoro di Emanuela Widmar La Regola d'Oro, principio di solidarietà e di liberazione