Nazione

Da humanipedia.

(dal lat. natio, -onis, la nazione di appartenza, la popolazione che ha in comune origine, lingua e costumi, da natus, p. pass. di nasci, nascere) Insieme degli abitanti di un paese, retto dallo stesso governo; territorio di quello stesso paese; insieme di persone che generalmente parlano una stessa lingua e sono legate da una storia comune. Si distingue dalle etnie, che raggruppano le persone di una stessa origine comune. La nazione moderna è polifonica. Si forma nel processo della strutturazione del mercato e delle culture nazionali, sulla base del sorgere della società civile in un determinato territorio. Diverse nazioni possono parlare la stessa lingua.

Il termine “nazione” nel senso moderno è apparso durante le guerre d'indipendenza delle colonie inglesi e spagnole in America e durante la rivoluzione francese. Le Nazioni Unite hanno riconosciuto il diritto delle nazioni all'autodeterminazione, e ciò ha contribuito alla decomposizione del sistema coloniale e all'apparire di un centinaio di nuovi Stati-nazione dopo la seconda guerra mondiale.

L'umanesimo universalista appoggia le rivendicazioni dei gruppi di persone che si sentono nazioni, rivendicazioni volte all'autonomia nazionale culturale; a ricevere l'istruzione nella lingua originaria locale; al libero uso della propria lingua nei rapporti con le istituzioni ufficiali. Allo stesso tempo, gli umanisti fanno appello a che si risolvano i conflitti nazionali per mezzo di negoziati, senza ricorrere alla violenza. La internazionale umanista ha offerto in numerosi casi i suoi servizi come organismo di mediazione internazionale nei conflitti di questo tipo.