Dolore

Da humanipedia.

Il vissuto di uno stimolo spiacevole viene chiamato genericamente dolore; esso corrisponde sempre a un aumento di tensione. Quando la fonte di questo vissuto ha una localizzazione precisa nel corpo, parliamo di dolore in senso stretto; il dolore viene registrato attraverso la via della sensazione (V.). Quando invece tale vissuto ha la sua radice nella mente e giunge per la via dell'immaginazione o per la via del ricordo, parliamo di sofferenza (V.). Tuttavia, in ultima istanza, sia la radice del dolore che quella della sofferenza si trovano nel corpo, in quanto abbiamo sempre un vissuto fisico o sensazione anche della memoria e dell'immaginazione. Da questo punto di vista, tanto il dolore che la sofferenza sono riducibili, come ogni impulso, alla sensazione. Il dolore è legato strutturalmente al rifiuto del dolore, cioè l'apparizione di uno stimolo doloroso attiva un meccanismo che tende a rifiutare tale stimolo. Il dolore giunto attraverso la via della sensazione si registra quando lo stimolo supera il limite di tolleranza del senso che lo percepisce (V. amnesia; V. Impulsi, trasformazione e traduzione degli.)